FIORENZO CAROZZI   PHOTOGRAPHY
Vedo i fiumi dentro le mie vene, cercano il loro mare, rompono gli argini, trovano cieli da fotografare. (F. De Andrè)
I see the rivers into my veins, fumbling for the sea, breaking the banks and finding skys to photograph . (F.De Andrè, translated).
   
 

La fotografia è sempre stata una delle passioni della mia vita fin da quando, alla fine degli anni sessanta, a diciotto anni, cercavo di riprendere i volti scavati dei vecchietti nei paesini di mare con la mia economica 6x6 a pozzetto.
Ma è da circa dieci anni che ho ripreso a fotografare con assiduità ed impegno ed ho ritrovato nella fotografia digitale, elaborata in camera chiara, le stesse sensazioni magiche di tanti anni fa quando vedevo comparire le immagini in bianco e nero nelle bacinelle di sviluppo in camera oscura. Mi sto dedicando soprattutto alla fotografia paesaggistica che mi consente di fermare sulle immagini le emozioni che vivo di fronte al dispiegarsi degli elementi naturali, nelle varie stagioni, in differenti condizioni atmosferiche e di luce, in luoghi vicini e lontani, con la speranza di poterle trasmettere a chi abbia la voglia e la pazienza di osservarle.
Ho qui raccolto una selezione di immagini scelte perché scattate in luoghi che hanno lasciato un segno su di me per loro bellezza o per la loro semplicità o per la magia di una particolare luce o per la fuggevole presenza umana che, in quel momento, ne sottolineava una specifica ed esclusiva caratteristica. Questi anni sono stato come un viaggio metaforico nel mondo della fotografia paesaggistica e delle sua tecniche, dai primi paesaggi HDR (High Dinamic Range), alla doppia esposizione fino ad approdare ai filtri neutri che avvicinano la fotografia digitale a quella analogica. Ma questi anni sono anche stati pieni di viaggi veri, alcuni dei quali fatti con la famiglia, altri con amici fotografi, altri ancora da solo, ma in tutti avendo costante attenzione e tensione verso l'interpretazione di quanto vedevo attraverso l'obiettivo della mia macchina fotografica.
I fili conduttori del mio modo di fare fotografia sono l'acqua e la terra; l'acqua che s'infrange sulle scogliere, l'acqua irruente dei torrenti, quella cheta dei laghi, dei fossi di campagna e delle paludi; la terra, quella nostra delle campagne padane nebbiose, quella assolata di paesi lontani, quella tra gli alberi dei boschi e delle foreste, quella ricoperta dalla neve. L'acqua e la terra come elementi paesaggistici sotto al terzo non meno importante elemento che è il cielo, fondamentale per dare anima a questo genere fotografico.
Ringrazio gli amici Luca "Mesco" e Fortunato senza i quali tante di queste fotografie non sarebbero state scattate e senza i cui insegnamenti i miei cieli sarebbero ancora "bruciati".

Questo sito web è dedicato alla mia famiglia che con tanta pazienza sopporta le mie "assenze".

carozzi.fiorenzo@alice.it
 

Photography has been the passion of my life since the late sixties, when I was eighteen years old, I tried to shoot the old fishermen in the villages by the sea with my cheap 6x6 camera.
I started again taking pictures with patience and effort more or less ten years ago when I found in digital photography the same magical feeling I felt in revealing black and white images in the darkroom.
I am more committed to landscape photography because it allows me to fix the emotions I feel in front of the unfolding natural elements, in different seasons, with various weather and lights, in places near and far. My hope is to be able to transmit my emotions to those who have the desire and patience to observe my photographs.
I have collected here a selection of pictures shot in places that impressed me for their beauty, their simplicity, the magic of a special light or by the fleeting human presence which stressed a specific and exclusive feature.
These past few years have been like a metaphorical journey into the world of landscape photography and its techniques, from early landscapes HDR (High Dynamic Range), to the double exposure up to coming to neutral density filters which draw up digital to analogical photography.
In the last years my life has been also full of real journeys around Italy and abroad. Some of these journeys were with my family, some others with friend photographers or alone. In each of these journeys, I tried to pay constant attention and focus on the interpretation of what I saw through the lens of my camera.
The leitmotives of my photography are water and land.
The water breaking on rocks, the rushing water of streams, the quiet one of the lakes, country ditches and swamps…
The lands arising from the foggy river countryside, the far and sunny land of outstation countries, the land standing out between the trees of the woods and forests, the ones fully covered by snow…
The water and the ground under the beautiful color of the sky, rendered as landscapes and natural elements are the living soul of my photography.
I would like to say thank you to my friends Luca "Mesco" and Fortunato. Many of mine photographs would not have been taken without their help and my skies would have been still "burnt" without their teachings.

This website is dedicated to my family that so patiently endures my "absence".

carozzi.fiorenzo@alice.it


My gear / La mia attrezzatura:
Canon 5D Mark IV, Canon 5D Mark II,Canon 16-35mm f2.8, Canon 70-200mm f4, Canon 100mm macro f2.8, Canon 50mm f1.8, NDG - ND Lee Filters, Heliopan polarizer, Gitzo tripod.
All photographs are copyrighted by Fiorenzo Carozzi, whose permission is required for any usage. Site by Sara Ghiringhelli.