FIORENZO CAROZZI   PHOTOGRAPHY
Vedo i fiumi dentro le mie vene, cercano il loro mare, rompono gli argini, trovano cieli da fotografare. (F. De Andrè)
I see the rivers into my veins, fumbling for the sea, breaking the banks and finding skys to photograph . (F.De Andrè, translated).
   
  << back to the galleries

STELLISEE & MATTERHORN

Con l'amico Marco, abbiamo voluto percorrere l' itinerario da Zermatt al rifugio Fluhalp e quindi al piccolo lago alpino Stellisee per fotografare il Cervino che si specchia nelle sue acque. Un classico della fotografia paesaggistica che era nei miei programmi da molti anni.
Come nella buona tradizione dei paesaggisti, sessione fotografica al tramonto, poi qualche notturno e, dopo qualche ora di sonno al rifugio, alle sei del mattino siamo usciti per la sessione all'alba. Il Cervino era davanti a noi maestoso, nel lieve chiarore che precede il nascere del sole, con qualche nuvola lenticolare nel cielo ed un mare di nuvole più in basso, nella valle di Zermatt. Si poteva pensare a eccellenti condizione di luci e di colori.
Nel tempo impiegato per arrivare allo Stellisee, la grande massa di nuvole della valle di Zermatt si alza e rapidamente nasconde totalmente alla nostra vista ed alle nostre macchine fotografiche il Cervino e tutta la catena di montagne. Alle sette, ora dell'alba non era visibile nulla. Poi, lentamente, le nuvole diradano e si ripresenta di nuovo la grande montagna in tutta la sua bellezza. Ma la luce magica, quella che tante volte avevo pre-visualizzato nella mia testa, se n'era andata. Ci siamo dovuti accontentare di una luce meno calda, cercando di fare il possibile per ottenere delle buone inquadrature.
Abbiamo comunque chiuso i nostri zaini contenti di questa esperienza e della possibilità che abbiamo avuto di ammirare luoghi incantevoli.

STELLISEE & MATTERHORN
With a friend of mine, Marco, we wanted to go to Zermatt, to the refuge Fluhalp and then to the small alpine lake Stellisee, to photograph the Matterhorn reflected in its waters. A classic of landscape photography, that was in my programs since many years.
As in the good tradition of landscape, sunset photo session , then some nightscapes and, after a few hours of sleep at the refuge, at six in the morning we went out for the dawn session . The majestic Matterhorn was in front of us, in the mild glow that precedes the sunrise, with some lenticular clouds in the sky and a sea of clouds below, in the valley of Zermatt. We could hope for an excellent conditions of lights and colors.
In the time we take to arrive to Stellisee , the great mass of clouds in the valley of Zermatt gets up quickly and completely hidden from our view and our cameras the Matterhorn and the whole chain of mountains. At seven, the dawn time, nothing was visible. Then, slowly, the clouds thin out and the big mountain comes back again in all its beauty . But the magic light , the one that so many times I had pre-viewed in my head, it was gone. We had to settle for a less warm light trying to do everything possible to get some good shots.
However, we have closed our photographic bags very happy for this experience and for the chances that we had to admire beautiful places.
All photographs are copyrighted by Fiorenzo Carozzi, whose permission is required for any usage. Site by Sara Ghiringhelli.